La differenza fra carta da parati retro e vintage

Le tappezzerie vintage e quelle retro non sono la stessa cosa e le differenze diventano apparenti quando è il momento di posarle sulle pareti della vostra casa.

Il termine “Vintage” è utilizzato per arredamento, vestiti, gioielli, utensili, accessori ed opere d’arte che sono vecchi almeno 10-20 anni e fino ad un massimo di 90 anni. Gli oggetti vintage si devono differenziare da quelli antichi, che hanno almeno 100 anni. Il termine “antico” si può poi applicare fino ad oggetti fino all’800 AC.

Ma ritorniamo alle carte da parati vintage, veri originali di ere e epoche di design ormai passate da tanto tempo, molto ricercate da tutti coloro che cercano modelli davvero autentici. Queste tappezzerie, spesso degli anni ‘50, ‘60 o ‘70, con i loro motivi strani e pieni di stile, sono indubbiamente difficili da trovare. Sono però anche le meno adatte allo scopo per cui erano state pensate al momento della fabbricazione.

Il termine retro descrive qualcosa che è nuovo ma si basa su un design già esistente in passato - la carta da parati retro, per esempio, riprende i motivi ed i colori delle tappezzerie originali di un epoca ben specifica. I metodi di fabbricazione sono però basati sugli standard contemporanei e questo ha un grande impatto sulla qualità ottenuta, che deve rispondere alle attese dell’epoca odierna.

Se state pensando se decidervi per una carta da parati retro o vintage, vi raccomandiamo la prima scelta, e vi spiegheremo le ragioni in questo articolo.

juno_5025458b07ccaa7334   Morena_39035158b07cc07fb80

Come il marketing spesso confonde retro con vintage
Chiariamo prima di tutto una cosa: nel mondo della comunicazione pubblicitaria i termini “vintage” e “retro” sono spesso usati in maniera non corretta come se fossero uguali o interscambiabili. In primo luogo la parola vintage sembra far più presa sulle emozioni e sulle memorie, mentre retro è usata spesso con il significato di “imitazione”. In molti aspetti del design però, il retro offre indubbi vantaggi - dopotutto viviamo nel 21esimo secolo, non più nel 19esimo. Gli sviluppi tecnologici ed i comfort del mondo moderno richiedono prodotti capaci di rendere onore a tutte queste innovazioni.

I segni del tempo sulla carta da parati vintage
Al giorno d’oggi le tappezzerie originali degli anni dai ‘50 ai ’70 sono di solito scoperte per caso in cantine o soffitte. Spesso capita che negozi che esistono da tanti anni trovino un resto di magazzino in un angolo polveroso. Nella maggior parte dei casi le condizioni in cui è stato conservato sono meno che ottimali. L’umidità, i grandi sbalzi di temperatura, la polvere e lo sporco hanno lasciato il loro segno sui rotoli di carta da parati. Che siano rimasti nel loro imballaggio originale o esposti agli elementi senza alcuna protezione fa poca differenza.

I danni prodotti dal tempo e da condizioni di immagazzinamento non ideali non sono spesso visibili immediatamente, ma, una volta che si comincia a srotolarla, il materiale della tappezzeria mostra spesso macchie di muffa, ingiallimenti, sporco, fioriture di ruggine ed altre discolorazioni. Questo non ha un effetto solo sull’aspetto estetico ma anche sulla qualità adesiva, senza nemmeno considerare l’aspetto igienico e sanitario. La vecchia carta da parati ha inoltre un odore muschiato poco gradevole, non certo una cosa che uno desidera introdurre a casa propria.

Vintage-Retro-wallpaper

La qualità della carta da parati vintage
Negli scorsi decenni il progresso nei procedimenti di stampa e produzione della carta da parati è avanzato a grandissima velocità, e con essi la qualità del prodotto finale. Il risultato di questa evoluzione nella produzione moderna di carta da parati è visibile nella nitidezza dei motivi, nella brillante profondità dei colori, nella perfetta capacità adesiva e nel ridotto peso del prodotto finale. La carta da parati retro, con i sui motivi unici, le sue strutture, la sua goffratura, riesce a soddisfare il desiderio di avere il meglio della qualità offrendo allo stesso tempo quel look nostalgico a cui aspiriamo.

Le tappezzerie vintage di venti o più anni fa hanno ancora la capacità di impressionare con i loro motivi ed il loro design, ma i colori cominciano a sbiadire e la loro capacità adesiva si è ridotta fortemente. In alcuni casi la carta da parati vecchia si rifiuta di rimanere attaccata alla parete, incapace di assorbire la pasta adesiva. Occorre anche segnalare che la qualità degli adesivi è cambiata sostanzialmente negli ultimi decenni.

L’autentica carta da parati d’epoca pesa molto di più di quella odierna, specialmente quelle in materiali sintetici o PVC. Questo vuol dire che posarla richiede uno sforzo molto più grande ed altrettanto poi rimuoverla.

jaron_43075158b07cc8abb63   tamaki_43051158b07cc33dba4

Problemi con i resti di magazzino di carta da parati vintage
Se trovate una bellissima carta da parati retro (come ad esempio nel nostro negozio “Carta da parati degli anni ‘70”!) potete star sicuri che potrete acquistarne la quantità che desiderate, e che probabilmente sarete in grado di riordinarla in futuro, se questo dovesse essere necessario (a meno che non sia esaurita, ovviamente).

Se invece vi orientate su una vecchia carta da parati originale, ve ne saranno solo pochi rotoli disponibili, il che restringe grandemente lo spettro delle cose che potete fare. Non c’è spazio per gli errori quanto la tagliate, dal momento che potrebbe dire non averne a sufficienza per completare quello che si intende fare.

Ovviamente di riordinarla non se ne parla nemmeno dal momento che la produzione del modello che avete scelto è terminata decenni fa e la casa produttrice potrebbe non esistere nemmeno più. Questo significa che le carte da parati vintage richiedono calcoli molto precisi e anche così è possibile che tutto finisca in un disastro. La carta da parati retro è invece la perfetta alternativa per chi vuol evitare tutta questa serie di problemi.

triton_430001   Herringbone_42013158b07cc6bd52c

I nostri suggerimenti
Sappiamo tutto quello che c’è da sapere sulle carte da parati retro e vintage. Dopotutto è stata proprio una scoperta in una cantina che ha dato vita al nostro entusiasmo per le carte da parati a motivi e con design di tanto tempo fa e questi stili assolutamente cool sono la ragione per cui cerchiamo di dargli nuova vita con nuove incarnazioni che utilizzano i vantaggi della qualità oggi disponibile. Sanno evocare emozioni e memorie pur motivandoci allo stesso tempo a trovare nuove direzioni verso un futuro felice e pieno di stile.

Gli originali veri, quelli vecchi, sono senza dubbio un tesoro, e possono essere utilizzati per decorare elementi del design d’interni, a patto che siano in condizioni perfette di conservazione. Purtroppo nella maggior parte dei casi avranno perso la capacità adesiva, il che significa che possono essere utilizzati solo per decorare piccole aree. Perché non utilizzare singoli teli di carta da parati per creare artistiche decorazioni? La maniera migliore per farlo è quella di incollarle a superfici di legno e sigillarle, o di incorniciarle ed ammirarle da dietro un vetro.
Per pareti estese le tappezzerie nuove e moderne, con un design retro sono molto più adatte, sia come aspetto che per il clima della stanza. Se tutte le informazioni che vi abbiamo fornito vi hanno convinto e vi siete resi conto che avete bisogno di un motivo vintage per la vostra casa, lasciate che vi presentiamo le nostre fantastiche tappezzerie retro che vi permetteranno di evocare il vostro decennio preferito, garantendovi allo stesso tempo la qualità moderna:

apollo_370000

Sinon_41049558b07cc1ae92f   hirolanit_82060158b07cc7b85d6