Assenza di sostanze inquinanti e sostenibilità ambientale nelle tappezzerie

Le carte da parati a motivi e di design conferiscono un'aura speciale, un carattere unico e la giusta atmosfera ai locali privati, commerciali e pubblici. Ma l'impatto visivo non è tutto: salute e ambiente sono aspetti estremamente importanti ed entrambi possono beneficiare dall’utilizzo di carte da parati di alta qualità.

Passiamo infatti lunghe ore in stanze con carta da parati e assorbiamo varie sostanze dall'aria attraverso il nostro sistema respiratorio e la pelle. Se le sostanze presenti sono nocive o dannose, possono avere una serie di effetti negativi sul corpo umano, tra cui allergie, irritazioni cutanee, nausea, mal di testa, problemi respiratori, attacchi di asma o sensazioni d’intorpidimento. I sistemi immunitari e ormonali possono anche essere influenzati da tossine e inquinanti ambientali, e plastificanti e formaldeide in particolare possono, in casi estremi, persino causare il cancro.

Tapeten-Raumluft-Schadstoffe

Di conseguenza, la carta da parati deve essere priva di sostanze nocive, ecocompatibile e riciclabile. Diversi tipi di certificati aiutano i consumatori a fare la giusta scelta, ma la carta da parati completamente priva di sostanze nocive è ancora l'eccezione sul mercato. Da un lato, la produzione su scala industriale diventerebbe troppo costosa se si utilizzassero i trattamenti e i metodi necessari; dall'altro, la produzione di carta da parati veramente atossica inizia con le materie prime utilizzate. Poiché queste sono spesso importate dall'estero, è quasi impossibile controllare l'intera catena di produzione.

Quando si tratta di scegliere la vostra tappezzeria preferita, vogliamo che vi sentiate letteralmente a vostro agio con la vostra pelle. Questo blog è stato pensato per aiutarvi a capire cosa è importante considerare quando si tratta di scegliere una carta da parati, in particolare per quanto riguarda le allergie, intolleranze e sensibilità. Vi elencherà le possibili sostanze inquinanti nelle carte da parati e spiegherà come limitarle o evitarle attraverso una scelta informata. Anche la pasta da parati e gli adesivi svolgono inoltre un ruolo importante.

La tutela dell'ambiente inizia con l'utilizzo di materie prime sostenibili e non inquinanti e prosegue in tutte le fasi di produzione fino alla riciclabilità.

Tapeten-Rohstoffe

Quali agenti inquinanti si possono annidare nella carta da parati?

Le tappezzerie sono costituite da uno strato fodera e una varietà di diversi materiali di superficie che determinano la finitura e l'aspetto visivo. Tutti questi componenti possono potenzialmente trasportare sostanze nocive, a seconda delle materie prime e dei materiali di lavorazione utilizzati.

Per combinare diversi strati di materiale dello stesso tipo o di tipi diversi, sono necessari processi di laminazione che utilizzano colla, cera o lacca. Anche questi materiali possono contenere sostanze nocive. Lo strato decorativo/le superfici visibili della carta da parati possono anche essere stampati, tinti, raffinati o rivestiti con pellicola o plastica. Per creare effetti specifici, si possono applicare smalti o processi ossidanti. Inoltre, le sostanze che conferiscono alla carta da parati caratteristiche particolari, come la "bassa infiammabilità" o la "buona resistenza alla luce", devono essere menzionate come potenziali vettori di tossine.

Per le carte da parati poco inquinanti o non inquinanti, il fattore principale è se i componenti utilizzati nella produzione sono naturali o sintetici. Le materie prime sintetiche e di produzione tendono ad aumentare il rischio di carichi contaminanti nella carta da parati, ad esempio attraverso:

  • Materiali plastificanti a bassa volatilità (ftalati) nei rivestimenti plastici e nella schiuma strutturale ("fuoriesce" costantemente dalla carta da parati e si ritiene che abbia un impatto sull'equilibrio ormonale umano)
  • Materiali leganti che possono provocare allergie, ad esempio acrilati
  • Formaldeide - presente in molte pitture e tinture, colle, adesivi e come parte delle sostanze utilizzate per aumentare la stabilità della carta bagnata; può causare mal di testa, stanchezza e irritazioni della pelle, delle mucose, della congiuntiva e dell'apparato respiratorio.
  • Composti organici volatili (COV); emettono un forte odore subito dopo aver tappezzato
  • Composti organo stannici, ad esempio tributilstagno (TBT) o dibutilstagno (DBT), che migliorano la resistenza alla luce e al calore; dannosi per il sistema immunitario e ormonale.
  • Composti organici alogenati presenti negli agenti sbiancanti e nelle vernici; possono provocare allergie
  • Metalli pesanti nelle tinture; potenzialmente si accumulano nell'organismo.
  • Biocidi in vernici e coloranti per aumentare la durata o utilizzati durante la coltivazione di materie prime come il cotone, fibre naturali; possono emettere e provocare vertigini, mal di testa, problemi al fegato e ai reni.

È evidente che quanto più elaborato è il processo di produzione di una carta da parati, tanto più difficile sarà il monitoraggio di tutti i componenti inquinanti e ambientali. Restrizioni legali, standard richiesti, sigilli di approvazione e certificati aiutano a evitare o almeno a limitare l'uso di sostanze nocive nella produzione di carta da parati. Per questo motivo, le tappezzerie devono soddisfare requisiti minimi specifici prima di poter essere immessi sul mercato. Il livello degli standard dipende dal certificato che il prodotto porta con sé.

Tapeten-Herstellung-Schadstoffe

Regole di base per carte da parati prive di sostanze nocive e rispettose dell'ambiente

I materiali naturali sono il modo migliore per garantire la salute e il benessere. Garantire però che una carta da parati sia prodotta con una carta fodera e materiali di superficie poco inquinanti non è sufficiente. Anche durante la coltivazione di materie prime come cotone, legno, bambù, sughero o erbe, non devono essere utilizzati fungicidi, pesticidi o erbicidi. Coloranti vegetali, inchiostri da stampa senza solventi, leganti naturali, come ad esempio la gomma naturale, la metilcellulosa utilizzata come adesivo e per la produzione di vernici, la colla da stampa e processi di goffratura a caldo, sono solo alcuni esempi che utilizzano materie prime naturali per produrre carte da parati sane. Ogni parte del processo di produzione deve far parte di questa catena ecocompatibile, e per garantirlo è necessario un controllo rigoroso, il che naturalmente comporta un aumento dei costi.

Un processo pulito al 100% è quasi impossibile da raggiungere, in quanto il mercato non lo consente. Meno materiali sintetici vengono utilizzati, meglio è. La carta straccia riciclata, la cellulosa, i tessuti naturali e le fibre vegetali sono in cima alla lista dei materiali da parati ecocompatibili. Informazioni trasparenti sui materiali utilizzati nel processo di produzione, i sigilli di approvazione o i certificati garantiscono un ulteriore vantaggio.

Tapeten-Rohstoff-Naturfasern   Tapeten-Rohstoff-Altpapier

"E le tappezzerie realizzate con materiali sintetici?", vi sento chiedere. Non tutti i materiali fatti da o contenenti materiali sintetici sono dannosi o dannosi per la nostra salute, quindi non rigettate automaticamente le carte da parati funky in vinile, quelle ad effetto carta stagnola o in tessuto sintetico. Occorre tuttavia prestare particolare attenzione alle caratteristiche climatiche e alla conformità ai requisiti di legge, nonché agli eventuali certificati, sigilli e standard di conformità. Anche in termini di tutela ambientale e riciclabilità, le sostanze sintetiche hanno compiuto enormi passi avanti. I biomateriali sono infatti sempre più utilizzati nel processo di produzione, tra cui il tallolo, un sottoprodotto della produzione di pasta di legno o altri oli vegetali. Anche le materie plastiche sono altamente riciclabili.

L’aria salubre negli interni, così come un salubre clima della stanza si ottengono scambiando l’aria viziata con quella fresca, mantenendo una temperatura ed un’umidità ambientale ideali, e mantenendo pulito l'ambiente. A seconda della carta da parati scelta, vi sono inoltre alcune specifiche che verranno discusse di seguito.

Tipi di carta da parati più diffusi e relativi rischi di agenti inquinanti

Per avere un'idea corretta della scelta della carta da parati in termini di sostanze inquinanti e sicurezza ambientale, è opportuno analizzare i tipi più comuni di carta da parati in relazione a questi aspetti.

Tappezzerie a base di carta

Le tappezzerie a base di carta sono costituite da uno o più strati di carta o da uno strato di carta fodera con un materiale di superficie diverso, ad esempio fibre vegetali, schiuma strutturata o vinile. Le carte da parati a base di carta possono essere stampate, goffrate o rifinite in altro modo.

Per le tappezzerie interamente costituite da carta, la qualità di questa è un fattore decisivo. La carta a base di fibre di legno e cellulosa, carta naturale o riciclata sono quelle meno contaminate e più rispettose dell'ambiente. Anche la carta da parati con uno strato fodera a base di carta e uno strato superficiale in materiali naturali offre un ottimo equilibrio tra ambiente e salute.

Per aumentare la loro resistenza alla lacerazione in condizioni umide, possono essere aggiunte alcune sostanze contenenti formaldeide. Le tappezzerie realizzate esclusivamente con carta senza spalmatura o sigillatura sono traspiranti, regolano l'umidità e influiscono positivamente sul clima dell'ambiente.

Carte da parati tessuto non tessuto

Le carte da parati TNT sono composte da cellulosa e fibre tessili. Sono inoltre permeabili al vapore e regolano l'umidità. Con le fibre tessili naturali, per lo più non trattate chimicamente, mescolate con la cellulosa, il rischio di inquinamento è molto basso. Alcuni produttori utilizzano plastificanti sintetici e fibre di poliestere. I trattamenti superficiali (ad es. goffratura, schiuma strutturale o pitture/finiture) possono contenere sostanze inquinanti.

Gli strati di carta fodera a base di TNT sono adatti per l'applicazione di una grande varietà di materiali di superfice, in grado di determinare il carattere e la qualità del prodotto finale. Tra questi ci sono quelle metalliche ed ad effetto carta stagnola, quelle con fibre tessili e tessuti, perline di vetro e in vinile. Per valutare il rischio di sostanze inquinanti in questi modelli di carta da parati, è necessario controllare tutta una serie di categorie, ad esempio la purezza delle materie prime, le sostanze utilizzate e i metodi di trattamento nella lavorazione e nella raffinazione. Le potenziali fonti di inquinamento potrebbero essere nascoste nei plastificanti, nei metalli pesanti e nella formaldeide. Solo il produttore può davvero fornire informazioni accurate e complete, ad esempio sotto forma di dichiarazioni, marchi di qualità e certificati.

Umweltfreundliche-Tapeten

Tappezzerie in vinile

Le carte da parati in vinile con uno strato fodera a base di carta o lana (tessuto non tessuto) sono trattati con un rivestimento in polivinilcloruro (PVC) o poliuretano (PU) che rende la carta da parati lavabile. I rischi di inquinamento della plastica sono ben documentati; questi tipi di carta da parati possono anche contenere plastificanti che possono fuoriuscire ed essere dannosi per l'ambiente e per il corpo umano. La maggior parte dei produttori utilizza gli ftalati DINP e DIDP, entrambi sostanze che sono state classificate come non pericolose dall'UE. Detto questo, la loro valutazione ecologica non è considerata favorevole. Gli ftalati contenuti devono sempre soddisfare i requisiti di legge e non possono superare i limiti massimi. Un altro potenziale fattore di rischio sono le tracce di composti organo stannici e di altri composti volatili. Anche in questo caso, dipende dai produttori, dal loro obbligo di informazione e dai potenziali marchi e certificati di qualità che consentono al consumatore di valutare il possibile carico inquinante.

Questi tipi di carta da parati non assorbono l'umidità, il che significa che un'aerazione e un'asciugatura insufficienti possono portare alla formazione di muffe. Polvere e altre particelle provenienti dall'ambiente hanno maggiori probabilità di aderire alla superficie, per cui è necessario pulirle più frequentemente. Inoltre, le speciali colle a dispersione necessarie per le carte da parati in vinile possono contenere fungicidi.

Tappezzerie in materiali naturali

Materiali naturali come erba, bambù, sughero o legno sono la scelta ideale per carte da parati ecocompatibili e attente alla salute. Questi materiali sono solitamente applicati su un supporto di carta (che mantiene il rischio di inquinamento abbastanza basso). In generale, le carte da parati naturali non trattate a base vegetale vantano eccellenti caratteristiche climatiche e possono essere facilmente riciclate. L'unico problema potenziale è l'uso dell'adesivo di coesione. Inoltre, coloro che soffrono di febbre da fieno potrebbero reagire a carte da parati in erba non trattate.

Carte da parati tessili

Lo strato portante di queste esclusive tappezzeria può essere a base di carta o lana. Per quanto riguarda i materiali di superficie, le opzioni sono le fibre tessili sintetiche o naturali o il tessuto. La carta da parati vellutata o ad effetto stropicciato appartengono anch’esse alla categoria delle tappezzerie in tessuto. Fibre naturali come lana, cotone, lino, iuta e sisal provenienti da colture biologiche e prive di sostanze chimiche sono la scelta migliore in termini di salute, in quanto sono completamente non trattate e tinte con sostanze naturali e non pericolose. Alcuni rischi di inquinamento possono verificarsi quando le carte da parati tessili e sintetiche vengono trattate con sostanze specifiche come le resine uretaniche per aumentarne la resistenza alla lacerazione o con agenti in grado di proteggere le fibre contenenti formaldeide e fungicidi. Le carte da parati con superfici tessili hanno maggiori probabilità di raccogliere polvere, il che le rende meno adatte a chi soffre di allergie alla polvere.

Carta da parati con effetto metallico/carta stagnola

Strati di carta o di lana sono alla base di queste stravaganti tappezzerie. Strati con rivestimenti metallici o ad effetto carta stagnola vengono aggiunti e talvolta ulteriormente trattati (a seconda del tipo di design). Le carte da parati ad effetto metallico possono in particolare avere smalti o vernici e metodi ossidativi applicati per creare effetti speciali. Le lamine metalliche sono realizzate in alluminio laminato sottile e lucente, mentre quelle ad effetto carta stagnola sono realizzate in speciali materiali plastici.

Le carte da parati in alluminio plastificato sono da lungo tempo utilizzate anche come scudo protettivo contro i gas pericolosi nelle aree sensibili. Anche i coloranti e le sostanze adesive possono contenere sostanze inquinanti. Le carte da parati con pellicole sintetiche presentano generalmente gli stessi rischi di inquinamento delle carte da parati in vinile o con un'elevata percentuale di plastica.

Certificati, marchi di garanzia, standard di prova

In tutto il mondo esistono numerosi marchi di qualità, certificati e standard di prova incentrati sulle sostanze inquinanti e sulla compatibilità ambientale dei prodotti e dei materiali, molti dei quali sono validi anche per la carta da parati. Vi preghiamo di consultare il nostro elenco di alcuni dei certificati pertinenti, ecc. a cui dovete prestare attenzione al momento dell'acquisto di carta da parati. Nella maggior parte dei casi, per ottenere i massimi standard in termini di assenza di sostanze inquinanti e protezione dell'ambiente, è necessario più di un marchio di qualità.

Germania

  • Der Blaue Engel ("L'angelo azzurro" - Il ministero federale tedesco per l'ambiente, la protezione della natura e la sicurezza nucleare): Marchio di qualità ecologica per prodotti e servizi particolarmente rispettosi dell'ambiente - La carta da parati deve essere prodotta prevalentemente con carta riciclata e la produzione deve essere dimostrabilmente poco inquinante.

Tapeten-Blauer-Engel

  • Eco-Institut Gütesiegel für Textilien (eco-INSTITUT Germania GmbH): Sicurezza dei prodotti e della salute, severi test delle emissioni e delle sostanze inquinanti dei prodotti finali
  • RAL-GZ-479 (RAL Deutsches Institut für Gütesicherung und Kennzeichnung e.V. - Istituto tedesco per la garanzia e la certificazione della qualità): Marchio di qualità per la sicurezza ecologica e sanitaria
  • Marchio di qualità esente da ftalati: garantisce che i prodotti testati non contengano sostanze tossiche che raggiungano o superino il limite massimo dello 0,01%.

Tapeten-schadstoff-Pr-fung   Phthalate-Free-Tapeten

Europa

  • Natureplus (natureplus e.V.): Ecoetichetta per la sostenibilità e la sicurezza ambientale/sanitaria nell'edilizia

Tapeten-Umwelt-Zertifikat

  • REACH: Regolamento europeo concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche per i fabbricanti, gli importatori e gli utilizzatori a valle, al fine di tutelare la salute umana e l'ambiente.

ECHA-Current-Logo   REACH-SVHC

  • VOC-Label Émissions dans l'air intérieur (Emissioni di sostanze organiche volatili nell'aria), Francia: Etichetta obbligatoria per la classificazione e l'etichettatura dei materiali da costruzione, degli arredi e delle attrezzature di nuova immissione sul mercato

Papier-peint-etiquette-emissions

A livello globale

  • Certificazione GREENGUARD (UL-Ambiente): Garantisce che un prodotto soddisfi i requisiti più severi e completi in materia di emissione di composti organici volatili (COV) nell'aria.

9934703_orig   UL_ECOLOGO_RGB_Green

  • STANDARD 100 by Oeko-Tex: Norma di prodotto indipendente per i prodotti (tessili) grezzi, intermedi e finali che sono stati testati per le sostanze inquinanti; copre tutte le fasi di lavorazione e i materiali utilizzati.

Wallpaper-environment-certificate

Se avete domande riguardanti i marchi di qualità, certificati, designatori, ecc delle carte da parati disponibili nel nostro negozio, non esitate a contattarci. Faremo del nostro meglio per aiutarvi e contatteremo i produttori per voi se necessario. Si prega di notare che molte delle certificazioni e dei marchi di qualità sono forniti solo se richiesti dai produttori, il che significa che - anche se i requisiti di legge devono essere rigorosamente rispettati - la responsabilità per la sicurezza dei prodotti e la protezione dell'ambiente in ultima analisi spetta a loro.

Carta da parati di altissima qualità & prodotti fatti a mano nel nostro negozio

Il processo di selezione dei prodotti presso Carta da parati degli anni ‘70 si basa su standard di qualità estremamente elevati. Il nostro reparto acquisti sceglie noti produttori che prestano particolare attenzione alla salute e alla sicurezza dell'ambiente. Inoltre, collaboriamo solo con produttori di carta da parati con metodi di produzione trasparenti, dove l'intero processo (dalla concettualizzazione al prodotto finale) è facile da comprendere e dove vengono utilizzati materiali e processi ecocompatibili. Tra questi c'è l'etichetta alla moda Dupenny, che crea sfondi funky realizzati con materiali naturali al 100%, con coloranti a base d'acqua e un metodo tradizionale di serigrafia manuale. La carta naturale morbida, trasparente e leggera, di qualità superiore, con motivi eccezionali stampati a mano con tecnica batik, è invece il segno distintivo del marchio francese Le Monde Sauvage.

Umweltgerechte-Tapeten 

Non dimentichiamo la pasta adesiva per carta da parati e gli adesivi!

Colle e adesivi forniscono il collegamento tra la parete e la carta da parati. Ciò significa che anche questi componenti devono essere esenti da rischi per la salute umana. La pasta adesiva per carta da parati regolare in polvere, utilizzata principalmente per i modelli su carta, è costituita da amido o cellulosa. Alcuni prodotti contengono conservanti, che dovrebbero essere evitati dai consumatori attenti alla salute in quanto sono semplicemente superflui.

Per aumentare la forza adesiva, le resine sintetiche vengono spesso aggiunte agli adesivi speciali per carte da parati pesanti (ad es. tappezzerie ad effetto metallico o a effetto carta stagnola, carta da parati in vinile o in tessuto). Una buona alternativa è la normale pasta da parati con l'aggiunta di colla a dispersione. Entrambe le opzioni comportano un certo rischio di inquinamento, pertanto i consumatori dovrebbero consultare consulenti esperti e informarsi sul possibile impatto sulla salute dei singoli componenti al momento dell'acquisto degli adesivi.

Umweltfreundlicher-Tapetenkleister

Suggerimenti per creare un clima sano con la carta da parati

  • Quanto più liscia è la superficie della carta da parati, tanto minore è il rischio che polvere e sostanze inquinanti vi aderiscano. Anche i modelli di carta da parati liscia sono molto più facili da pulire.
  • La vostra carta da parati viene fornita con informazioni riguardanti le sue caratteristiche di pulibilità. Le tappezzerie non lavabili non lavabili devono essere accuratamente strofinate con un panno asciutto, spolverate (con un piumino naturale a piume) o l'accessorio spazzola dell'aspirapolvere. Quelle lavabili e resistenti ai graffi possono essere strofinate gentilmente con un panno umido, ma fate attenzione con i detergenti.
  • Evitare di fumare all'interno della casa. La nicotina si deposita sulla vostra bella carta da parati ed è molto difficile da rimuovere. Inoltre, il fumo di tabacco contiene formaldeide. Secondo l'Ufficio federale della sanità, il limite raccomandato in una stanza di 30 metri quadrati è raggiunto dopo solo sei sigarette.
  • La formaldeide è anche creata da processi naturali. Il fogliame verde nelle piante da appartamento come l'aloe vera, la gerbera, l'edera o il ragno può aiutare ad abbattere la formaldeide nell'aria.
  • La temperatura ambiente deve essere costante e adeguata alle stagioni. Le stanze non devono mai diventare troppo fredde o completamente fredde.
  • È importante anche un livello equilibrato di umidità dell'aria (tra il 40 e il 60%). Evitare livelli superiori o superiori a questi valori. Se l'umidità dell'aria è troppo elevata, assicurarsi che l'ambiente sia ben aerato o utilizzare un deumidificatore. È troppo bassa, aggiungere umidità mettendo una ciotola d'acqua sul radiatore o altrove nella stanza.
  • Se la vostra carta da parati da sogno è dotata di uno strato di rivestimento, vale a dire una superficie sigillata che impedisce l'assorbimento di umidità, diventa fondamentale una regolare e sostenuta aerazione dello spazio, così che l'umidità possa fuoriuscire verso l'esterno. In questo modo si evita la formazione di muffe. Ricordate che i germi prosperano in aria umida (e su carta da parati umida) e si diffondono a macchia d'olio.
  • Non avvicinare troppo i mobili alle pareti - lasciare spazio sufficiente per far circolare l'aria tra la carta da parati e i mobili.

Umweltgerechte-Tapeten-Entsorgung

Il vostro contributo alla protezione dell'ambiente

Quando si rimuove una vecchia carta da parati per posarne una nuova, i consumatori possono contribuire in modo significativo alla protezione dell'ambiente. Indipendentemente dal materiale di cui sono costituite, dal fatto che siano state precedentemente posate su una parete o siano resti inutilizzati di un nuovo rotolo, le carte da parati vanno sempre considerate un rifiuto residuo. Piccole quantità possono essere immesse nei normali rifiuti domestici, mentre quantità maggiori possono essere portate al centro di riciclaggio locale (a volte pagando una piccola tassa). Lo stesso vale per la pasta da parati o l'adesivo in dispersione rimasti inutilizzabili.