Come rimuovere la carta da parati – I vari modi, a seconda del tipo di carta da parati

Il nostro “esperto” in carte da parati usa le maniere forti per rimuovere la vecchia tappezzeria. A giudicare dall’espressione del suo viso, sembra aver esaurito la sua pazienza. E deve ancora installare quella meravigliosa, nuova carta da parati che attende di poter decorare le sue pareti!

Non è necessario arrivare a questi estremi: con un po’ di aiuto e qualche consiglio non c’è bisogno di utilizzare metodi non eccelsi o strani per rimuovere la vecchia carta da parati. Può essere anzi un’esperienza tutto sommato piacevole. Già quando state considerando quale carta da parati acquistare, pensate a cosa dovrete poi fare per rimuoverla. Grazie ai nostri consigli non avrete nemmeno bisogno di fare dei test per capire quale sia il metodo migliore per rimuovere la vostra tappezzeria.

I simboli indicano quale sia il metodo corretto per rimuoverla
Nelle informazioni che forniamo per ogni carta da parati sul nostro sito internet trovate le indicazioni su come rimuoverla. Queste caratteristiche sono inoltre illustrate sui simboli che trovate sull’etichetta di ogni carta da parati. Potete controllarla una volta ricevuto il modello che avete acquistato.

In questo articolo vi spieghiamo tre possibili modi per rimuovere la vostra carta da parati e vi forniamo le istruzioni da seguire per capire quale di questi tre sia quello più giusto per la vostra vecchia tappezzeria. Troverete inoltre dettagliate informazioni sui vari passi necessari per rimuovere le carte da parati di carta ed in tessuto non tessuto nel nostro articolo Come rimuovere la vecchia carta da parati.

1. Rimovibile: carta da parati che può essere rimossa senza essere bagnata e senza lasciare tracce.
Questo significa che potete semplicemente tirare via dal muro una striscia intera di carta da parati in un colpo solo, senza che rimangano tracce e senza doverla prima bagnare o inciderla. Questo è indubbiamente il modo più semplice ma funziona solo se avevate utilizzato la giusta pasta per carta da parati durante l’installazione. Per controllare se potete fare in questo modo, eseguite prima il “test dello strappo”: afferrate i lembi di una striscia e cominciate a tirare. Se viene via l’intera striscia (o perlomeno un pezzo di grandi dimensioni) rimuovere il resto sarà un gioco da ragazzi.

2. Da rimuovere con acqua: carta da parati che deve essere bagnata prima di essere rimossa
Questo è il metodo standard per molti tipi di carta da parati. Tutti gli strati della carta da parati devono essere prima bagnati in abbondanza così da ammorbidire la pasta per carta da parati incollata alla parete. Potete poi rimuoverla utilizzando una spatola. Se lo strato decorativo è impermeabile o lavabile, sarà necessario prima inciderlo per poter far penetrare l’acqua. Usate anche in questo caso il “test dello strappo” per controllare come procedere. Se l’aver bagnato la carta non dovesse aver garantito gli effetti desiderati, dovrete graffiare (fare piccole incisioni) sulla parte esterna e poi bagnare nuovamente la superficie. Se siete in grado di rimuoverne una piccola parte con una spatola dopo aver lasciato inzuppare la carta da parati per un breve periodo sapere cosa dovete fare…

3. Strippabile: carta da parati a due strati, che possono essere separate e rimossi senza dover essere bagnati prima
La carta da parati con questo tipo di etichetta è costituita da uno strato decorativo esterno (ad. es. vinile) che può essere rimosso a strisce o in larghi pezzi senza dover essere prima bagnato. Lo strato interno rimane attaccato alla parete. È possibile applicare una nuova carta da parati a questo strato a patto che sia intatto, privo di danni e che sia incollato in maniera uniforme alla parete. Se così non fosse dovrete rimuovere anche questo strato. Per farlo mescolate acqua e detersivo per piatti e bagnatelo bene. Rimuovetelo poi con la vostra spatola. Il solito test già spiegato in precedenza vi rivelerà con quale materiale avete a che fare. Prendete in mano un angolo di una striscia di carta da parati e tiratelo via dalla parete in direzione diagonale (ovvero verso il centro della striscia). Lo strato superiore dovrebbe venir via con facilità.

Staccare-carta-da-parati

Prepararsi prima aiuta poi
Per facilitare il lavoro di rimozione della carta da parati è utile fare attenzione a quale materiale scegliete – già quando state acquistando la vostra nuova carta da parati. Detto questo, la nostra esperienza ci dice che la scelta di quale carta da parati acquistare non può certo essere dettata solamente da quando facile sia poi rimuoverla. Stiamo parlando dopo tutto di aggiungere qualche minuto al processo di rimozione, mentre il design che sceglierete farà parte della vostra vita per gli anni a venire. Le ragioni principali per scegliere la vostra nuova tappezzeria devono essere determinate dal colore e dal motivo che più vi piace. Tutto il resto è secondario.

I suggerimenti che seguono vi aiuteranno quando dovrete poi rimuovere la vostra nuova carta da parati – qualunque sia il materiale che avete scelto. Senza nemmeno fare al test dello strappo, saprete quale sarà il metodo migliore per rimuoverla, anche se sono passati anni da quando l’avete installata.

- Create un “quaderno dei motivi” per ogni camera dove volete applicare la carta da parati. Prendete un ritaglio, tagliatelo fino a quando non abbia le dimensioni di un foglio A4 ed incollatevi sopra l’etichetta del rotolo. Avrete così tutte le informazioni necessarie in un posto solo. Pinzonate insieme ora tutte le “pagine” per ogni stanza ed avrete creato il vostro “quaderno” che vi consigliamo di conservare in un luogo sicuro.

- Se preferite non avere in giro troppa “documentazione” potete semplicemente fotografare la carta da parati e la sua etichetta e salvarla digitalmente in una cartella con il nome della stanza in questione.

- Vi suggeriamo di eseguire il lavoro di preparazione della parete prima di cominciare, anche se questo significa aggiungere un altro passo al processo di applicazione della carta da parati. Quando sarà il momento di rimuoverla sarete grati di averlo fatto.

 
 

Scrivi il tuo commento

 

I campi contrassegnati da * sono obbligatori.