Carta da parati senza tempo – pareti a pois

Il pois/punto – un classico, affidabile, senza tempo. Non ha inizio e non ha fine, non ha sinistra o destra. Si nasconde, piccolo e senza pretese, alla fine della frase. Decora vestiti, stoviglie ed accessori di ogni forma o colore. I pois sono un motivo molto desiderato per le tappezzerie. Il punto o pois, porta con sé un grande simbolismo - dopotutto, senza punti, la lingua scritta non avrebbe più senso. Non è un’invenzione recente, aiuta infatti da tempo immemorabile le persone ad esprimersi. Se parliamo di carta da parati, i pois neri su sfondo bianco, o quelli bianchi su sfondo rosso rimangono sempre molto alla moda. Ma i pois possono essere anche colorati come i coriandoli. Possono essere perfettamente allineati, o apparire come se fossero stati gettati alla rinfusa sulla vostra carta da parati. Attirano lo sguardo e mettono di buon umore. A prima vista, il punto sembra di poca importanza, eppure si collega a elementi di grande importanza. 

Corbetta-A_82111158443032b1869   Corbetta-B_821112584430338c0f0

doman_820472584430346f6f8   Marceline-A_8211615844302c7766e 

Sul percorso della storia
I punti, o pallini erano già presenti nel sistema numerico dei Maya. Questi non avevano dei simboli per descrivere i numeri da uno a quattro, che erano invece rappresentati da dei punti. Il numero cinque era una riga. Il numero sei una riga ed un punto. In Egitto e nell’antica Grecia, tre punti di fila erano utilizzati per simboleggiare un’abbreviazione, spesso a seguito di geroglifici e, più tardi, di lettere. Nel diciottesimo secolo i massoni adottarono l’uso dei tre punti, ed è per questo motivo che ancora oggi in francese questi si chiamano “i tre punti fratelli” (Fréres-Trois-Points). Durante il Medio Evo i vasai usavano decorare i loro prodotti con motivi a punti e cerchi per dare a questi un aspetto più unico. Gli aborigeni australiani tramandano la loro storia tribale grazie alla cosiddetta “arte a pois”. I punti, pois, pallini, si possono trovare in ogni cultura, a prova della loro persistenza millenaria nel nostro mondo. 

Teena-B_430923584430302f6e9   Teena-B_4309215844302f70830 

Il valore linguistico del punto
Ne osserviamo l’esistenza in tanti momenti della nostra vita quotidiana. Sono parte del linguaggio di ogni giorno, ci sono famigliari eppure passano spesso inosservati. Se parliamo di tempo c’è un punto di partenza ed uno di arrivo. Il punto di origine significa l’inizio assoluto. Ogni centro è considerato il punto di mezzo. I punti di vista sono aspetti diversi della stessa storia. Il punto di svolta nella vita di una persona o in una storia è il momento in cui avviene un cambiamento decisivo e si aprono nuove porte. Se uno comincia a parlare a vanvera o a perdersi in descrizioni non pertinenti, gli si chiede di “venire al punto”. Il punto, è un elemento di grande importanza nel nostro linguaggio, senza il quale non riuscirebbe a funzionare. 

Fabiola-A_82107158443036050c3   Almeda-B_46168158443031c99c1 

Il punto e la sua caratteristica simbolica
A parte il suo valore nel nostro linguaggio, il punto ha un grandissimo valore simbolico in numerose culture e religioni. Viene spesso identificato come il centro del divino, l’inizio della creazione. Nel Buddismo il punto simbolizza l’origine e la genesi dell’universo (Bija). I raggi che emanano da esso sono segni del suo potere. Per gli alchimisti il punto rappresenta la perfezione della natura, per gli evoluzionisti è l’inizio di tutto. Nell’Induismo il potere divino si concentra nel punto di Shiva, il Bindu, che simbolizza il potere divino. Un punto sulla fronte è sia un simbolo religioso che un modo per decorare il proprio viso. Questo punto, conosciuto con il nome di “Bindi” può essere utilizzato solo da donne sposate. Oggigiorno è però spesso portato anche da bambini e donne non sposate. Originariamente designava il punto della Conoscenza Segreta. Può essere sia dipinto con inchiostro rosso fra gli occhi o indossato sotto forma di una piccola gemma. 

oralia_8641415844302e94219   Uncountable-Dots-A 

Punti di positività
Il punto/pois possiede una forza inerentemente positiva. Simboleggia la leggerezza e la dolcezza. I pois ci fanno sentire rinfrescati e felici. Perché allora attendere fino a quando non incontriamo per caso dei pois nella nostra vita quotidiana per poterne godere dei loro benefici effetti? Perché non portare questi benefici direttamente a casa nostra? Abbiamo una vasta quantità di carte da parati che possono trasformare questo vostro sogno in realtà. Magari potete rivestire quella parete speciale della vostra casa su cui volete attrarre l’attenzione - e perché non espandere la vostra sete di pallini ad un’area più vasta? Godrete di un’aurea di positività che vi seguirà per tutta la giornata. Il pois come elemento base di un motivo per carta da parati ha tante facce quanti significati e possibilità di applicazione in contesti diversi. Un motivo fatto di colorati pois distribuiti in maniera uniforme su uno sfondo bianco rende ogni cucina il luminoso e allegro centro della vita di casa. Ne godrete i benefici dalla colazione alla cena. I riflessi di luce generati dai pois su uno sfondo naturale aggiungono un tocco di glamour ad ogni stanza e sono particolarmente indicati per le camere da letto, mentre colorati pois che sembrano schizzi di vernice sono il sogno di ogni bimbo per la sua cameretta. Combinati con motivi floreali, i pois possono creare un’atmosfera romantica. Esiste una carta da parati a pallini per ogni gusto ed età che aspetta di poter essere introdotta nella vostra casa.

Mendonka_8211725844302dbb3db   elin_864131

 
 

Scrivi il tuo commento

 

I campi contrassegnati da * sono obbligatori.